Tesseramento 2018/19: Orgoglio senza confini!

E’ iniziato il tesseramento per l’anno sociale 2018/19. Puoi essere ORGOGLIOSA/O SENZA CONFINI e  lo puoi fare da [email protected], complice o amante: sostieni il Maurice […]

Solidarietà e sostegno alla Casa Internazionale delle Donne di Roma

#lacasasiamotutte Il Maurice GLBTQ esprime piena solidarietà e sostegno alla Casa Internazionale delle Donne di Roma, e sdegno per l’ipotesi di sfratto intimato dal Comune […]

Comunicato stampa: Piantatela di travestirvi, vi abbiamo riconosciuto benissimo!

Piantatela di travestirvi, vi abbiamo riconosciuto benissimo! Ieri, sabato 18 novembre, mentre a Torino si celebrava la giornata in onore delle persone transessuali e transgender, […]

In memoria di Luki Massa

Vogliamo ricordarti così, cara Luki, sorridente guerriera al Torino Pride del 2006. E vogliamo ringraziarti per essere stata una compagna di lotte e per il […]

“OLTRE IL BINARIO”: PERFORMANCE, TEATRO, PENSIERI.

Locandina-marzo-2017-1OLTRE IL BINARIO
Incontri di teatro e performance GLBTQI
9-16-23-25 MARZO 201
7
Azimut, Via Modena, 55, Torino

“Oltre gli stereotipi, i luoghi comuni, la scelte imposte e i percorsi obbligati.Oltre il binario significa andare alla ricerca di quali sono le storie individuali, le urgenze poetiche e di esperienza umana che vanno difese, protette, insegnate e spiegate con cura.”

9 marzo – h.21.00
LA CENA PER FAR(MI) CONOSCERE”Primo, secondo, contorno, dessert e . . . in vino veritas!
Spettacolo teatrale scritto da Lorenzo Beatrice, diretto e interpretato da Cristina Robasto e Lorenzo Beatrice

Ludovica ed Eugenio, fidanzati da quattro anni, si ritrovano come ogni sera a cena insieme: questa però si rivelerà per entrambi una cena indimenticabile…

16 marzo – h. 21.00
“WHO’S A FREAK?”
Incursione tra costrutti costretti, confini liquidi, generi invisibili
Performance di Espressioni Vaganti

con Sonia Bertinat, Pier Luigi Gallucci, Luigi Infantino, Jacopo Milano, Armando Molari, Erberto Rebora, Henni Rissone
Con la collaborazione di: PR Grafica, Patrizia Corte, Luisa Pagani

BEIJAFLOR”
Un bacio di e con Ambra G. Bergamasco ed Edegar Starke

Ambra G. Bergamasco ed Edegar Starke portano in scena un primo esito della loro ricerca sugli archetipi maschile/femminile per poterli frantumare attraverso un gesto d’intimita’: il bacio. I due artisti hanno esplorato lo spazio di genere attraverso cio’ che essi sentono emergere uno dell’altro. Quanti generi vivono dentro di noi? Quanto spazio di espressione si rivela quando l’intimita’ consente di diventare canale espressivo?

23 marzo – h. 21.00
LE STRADE DEL MARE”
Tratto dall’omonimo libro di Rosi Polimeni e premiato con la Stella d’Argento per il miglior monologo al festival di Allerona (TR).
Sceneggiatura e Regia: Fabio Tedoldi
Interprete: Monica Gilardetti
Associazione Culturale Teatrale Cara…Mella
Una vicenda che attraversa il novecento e narra la storia di tre donne – nonna madre e figlia – attraverso rotte migranti tra la Sicilia ed il Brasile.
Dopo lo spettacolo seguirà incontro con l’autrice del libro

25 marzo- h. 17/19
Nora Book bar, Via delle Orfane 24/D- Torino

Tavola rotonda: Percorsi, esistenze e urgenze oltre il binario.
Dialoghi con: Chiara Bertone, Nicole Braida, Cristian lo Iacono, Margherita Giacobino, Beatrice Scella.
§Modera: Maurizio Nicolazzo del MAURICE GLBTQ

h.19,30
Aperitivo a cura di NORA BOOK & COFFEE – Torino
Nora è uno spazio dedicato alla condivisione culturale a 360° e all’abbattimento degli stereotipi connessi al genere.

h.21,30
Convivium cafè&bistrot, L.go Dora Firenze, 131 – Torino
LADIES&GENTLEMEN” in concerto
Musica, parole, emozioni e tanto amore

Saturnia Galattica: voce e performance
Maurizio (O Cangaceiro) Corcelli: cajon e percussioni
Giovanni Nappi: basso
Francesco Bencivenga: basso
Giorgio Confalonieri: chitarra e voce
Federico Confalonieri: pianoforte e congiuntivi.

Per tutta la durata della rassegna sarà visibile la mostra “FAMIGLIE: METTIAMOCI LA FACCIA!” dell’artista Rosalba Castelli

Costo biglietto: 10 euro a serata
Abbonamento alla rassegna: 35 euro
Aperitivo del 25 marzo: 3 euro

Info e prenotazioni: [email protected]
Alla realizzazione della rassegna hanno partecipato il Maurice GLBTQ, la LILA Piemonte e la libreria Nora Book & Coffee
La rassegna è patrocinata dalla Città di Torino.

Un ringraziamento a Gianni Zardini per la grafica

Due repliche dello spettacolo “Sventola l’aquilone”

aquilone_feb_2016_FLYERaquilone_feb_2016_FLYER_retro

SVENTOLA L’AQUILONE
“Due nuove repliche dello spettacolo Sventola l’aquilone in collaborazione con le Biblioteche Civiche Torinesi, con il patrocinio del Comune di Torino, il Comune di Collegno e in collaborazione con il progetto europeo JCVG”

*Venerdì 5 febbraio 2016, ore 21.00
Cecchi Point
Via Antonio Cecchi 17 – Torino

*Giovedì 18 febbraio, ore 21.00
Auditorium Giovanni Arpino
Via Bussoleno, 50 – Collegno (TO)

Questo è il percorso dell’anima di una madre alla scoperta di un figlio alla ricerca della propria identità, all’inseguimento di un rapporto maltrattato dagli eventi e dall’iniziale incomprensione. Conoscerete la difficoltà della madre e la sua sofferenza fino a dire: “Ma grazie figlio, grazie per la fatica che hai fatto fare alla nostra famiglia.
Grazie per gli ostacoli che hai sparpagliato sulla mia strada.
Senza di te, di me non avrei capito certi aspetti profondi, compreso quello fondamentale che prima d’alzare una bandiera bisogna toccarne la stoffa, guardarne con attenzione l’ordito, sfiorarne l’asta, misurarne la lunghezza e poi, soltanto poi, alzarla, farla sbattere al vento.
Prima, sì, stava su lo stesso, è chiaro, ma no, non avrebbe sventolato come si deve, non sarebbe diventata davvero un aquilone colorato che volteggia in cielo.”

Liberamente tratto dal romanzo di Donata Testa “Sventola l’aquilone” ed. SUI.
Regia: Paola Frascarolo, Erberto Rebora, con: Silvana Allasia, Sonia Bertinat, Enzo Caruso, Laura Caspani, Bruno D’Alessandro, Pier Luigi Gallucci, Luigi Infantino, Jacopo Milano, Armando Molari, Luisa Pagani, Francesa Piccone.

Tesseramento 2016

banner-851x315-tessere

Nel 2016 il Maurice mantiene le solite tre modalità di adesione: [email protected], complice e amante. Quest’anno la quota minima (comprensiva della tessera ARCI, valida in tutto il circuito nazionale) è di 15 €, mentre rimane a 20,00 euro quella complice e quota libera e superiore l’amante.

Il tesseramento ti darà la possibilità di partecipare alle attività del Maurice GLBTQ e di usufruire delle convenzioni riservate a soci e socie (vedi Convenzioni).

Riceverai come al solito la tessera ARCI, circuito al quale il Maurice GLBTQ, come associazione di promozione sociale, è affiliato anche nel 2016.

Come riportato anche nel banner, quest’anno potrai invece scegliere la tessera Maurice: se preferisci quella propositiva chiedi quella con il SI’, se preferisci quella oppositiva, chiedi quella con il NO!

Tesseramento Maurice 2016! Un piccolo sostegno per continuare a rompere le scatole anche nei prossimi 30 anni!

PER INFO: 3357167890, [email protected]

Com. stampa, “Legge 164/82: indietro non si torna!”

Dopo la Corte di Cassazione anche la Corte Costituzionale si esprime in merito alla legge 164/82 sul cambio di sesso. Entrambe le sentenze dichiarano che il principio che deve muovere il giudice nell’autorizzare il cambio di genere è il benessere psicofisico della persona e che quindi l’intervento chirurgico può essere una strada per il conseguimento della propria identità di genere, ma non è la sola e soprattutto non può essere imposta.
Ancora una volta in Italia la latitanza della politica ha portato i diritti  a cercare altri modi per essere tutelati. Nonostante le associazioni chiedano da anni una nuova legge che regoli il cambio di genere ( esistono 3 proposte di legge su questo), è stata la Corte Costituzionale  a farci un regalo bellissimo. Ciò che da anni affermavamo e cioè che la necessarietà dell’ intervento deve essere decisa dalla persona transessuale e non dai giudici o dai medici, finalmente viene messo nero su bianco.
Non poteva esserci notizia migliore per inaugurare questo mese dedicato al  T-DoR, Transgender Day of Remembrance.

Maurice glbtq
Torino

AAA cercasi volontari/e per ConTatto e Spo.T

CONTATTO2spot-logoIl Maurice sta cercando persone da inserire nel gruppo di volontari/e dei due servizi di ascolto ed accoglienza in sede, ConTatto e Spo.T

L’iter di inserimento prevede la frequenza di un corso di formazione, che vedrà l’avvio nel mese di novembre e che terminerà con l’inizio del nuovo anno.

ConTatto è un servizio attivo dal martedì al venerdì dalle ore 19 alle 21, raggiungibile attraverso il canale telefonico, email e chat/messenger o attraverso accoglienza in sede.

Spo.T è invece il servizio specifico di accoglienza, consulenza e accompagnamento per le persone trans, aperto il giovedì dalle 17 alle 19, raggiungibile  attraverso il canale telefonico, email o accoglienza in sede. Nasce con l’intento di aiutare le persone transessuali e transgender nell’affrontare le questioni difficili legate alla transizione e alla vita quotidiana. Si relaziona con una rete territoriale per fornire le risposte migliori alle esigenze dell’utenza. Ha inoltre curato il convegno “Chi ha paura della depatologizzazione?” del 31/03/2012.

E’ prevista una serata di presentazione del corso in una data da definirsi verso la fine del mese di ottobre.

Per informazioni iscrizioni :
[email protected]
3357167890

Solidarietà ad Atlantide

atlantide-cassero-porta-santo-stefanoIl 9 ottobre è avvenuto lo sgombero di Atlantide: esprimiamo la nostra solidarietà ai compagni e alle compagne bolognesi!

Da Torino a Bologna, in tutta Italia assistiamo a una stretta sulla “legalità”. Spesso sfruttando la “rabbia” rabbiosa e rancorosa di pochi cittadini infastiditi da gente che non amano (ed è un odio “politico” anche questo), sindaci, assessori, prefetti, politicanti vari di fanno araldi e paladine dell’ordine e del rispetto delle regole. Che amara contraddizione, se pensiamo al livello di corruzione e di sfregio del diritto a cui arriva oggi la stessa classe politica ufficiale. Ma non è solo questo il punto.

Ci sono poi gli interessi economici di quelli che sono pronti a comprarsi per quattro euro gli spazi sgomberati. Sì, perché il passo dopo lo sgombero è la privatizzazione e la svendita del patrimonio pubblico. Ma non è nemmeno solo questo il punto.

Siamo solidali con tutte le realtà occupate che da anni fanno un lavoro politico e sociale importante, originale, pieno di significato, e lo fanno certamente per motivi diversi e opposti all’avidità personale e all’affarismo. Lo fanno perché hanno in mente un’altra idea – più autentica – del bene comune. Un’idea che va in direzione opposta alla privatizzazione delle nostre vite e che implica che soprattutto le realtà territoriali, locali, i “comuni”, siano sensibili e responsabili nel consentire spazi di cittadinanza democratica. Questo è il punto!
Oggi la nostra più viva e partecipe solidarietà va alle compagne e ai compagni di Atlantide, a Bologna: spazio frocio, femminista, punk che esiste dalla fine degli anni ’90. Sono esperienze preziose che sarebbe criminale far scomparire. Chiediamo quindi all’amministrazione di riconoscere i collettivi che animano Atlantide come degni interlocutori e di giungere con loro, e non contro di loro, a una soluzione che permetta a questa esperienza di continuare.
Perché “se Atlantide affonda la cercherete per millenni”.

TDoR 2015

Il 20 novembre è il Transgender Day of Remembrance, la giornata che commemora le vittime trans in tutto il mondo. Questo l’elenco da novembre 2014 ad oggi. Probabilmente non saranno tutte ma vogliamo ricordare almeno i loro nomi.

Mi chiamavo KEYSHIA BLIGE avevo 33 anni e vivevo ad Aurora in Illinois. Mi hanno sparato mentre ero alla guida della mia auto che conseguentemente si è schiantata. Mi hanno dichiarata morta in ospedale il 7 marzo 2015.

Mi chiamavo TAMARA DOMINGUEZ avevo 36 anni. Il 15 agosto 2015 mi hanno dichiarata morta in ospedale a Kansas City. La polizia dice che un suv mi ha investita e poi è passato ripetutamente sul mio corpo.

Il mio nome era KANDIS CAPRI avevo 35 anni, mi hanno sparato fuori da un complesso di appartamenti a Phoenix in Arizona. All’arrivo in ospedale sono stata dichiarata morta, l’11 agosto 2015. La polizia ha diffuso un video nella speranza di trovare il mio assassino.

Mi chiamavo AMBER MORE, mi hanno sparato a Detroit durante l’estate del 2015. La data della mia morte non è certa e non si hanno altre informazioni. La polizia sta ancora cercando il colpevole. Avevo 20 anni.

Mi chiamavo ASHTON O’HARA, avevo 25 anni. Mi hanno investita e pugnalata a morte in un campo a Detroit. Il sospetto Larry B. Gaulding è accusato di omicidio di primo grado.

Il mio nome era SHADE SCHULER, hanno ritrovato il mio cadavere in avanzato stato di decomposizione in un campo a Dallas in Texas il 29 Luglio 2015. Forse mi hanno sparato, la causa della morte non è chiara. Avevo 22 anni.

Il mio nome era KC HAGGARD, avevo 66 anni e vivevo a Fresno in California, dove il 24 luglio sono stata accoltellata. Una telecamera di sorveglianza ha ripreso l’omicidio, nonostante le mie suppliche nessun passante mi ha soccorsa. La polizia sta cercando il colpevole.

Mi chiamavo INDIA CLARKE, avevo 22 anni, mi hanno ritrovata morta per colpi di pistola alla testa e alle braccia a Tampa in Florida, il 21 Luglio 2015. La polizia ha arrestato un sospetto.

Ero MERCEDES WILLIAMSON e vivevo in Alabama. L’esame del dna ha confermato che il corpo accoltellato e bruciato in Mississippi sarebbe il mio. La polizia ha arrestato un sospetto, Josh Brandon Vallum, un mio conoscente. Io avevo 17 anni.

Mi chiamavo PENNY PROUD, avevo 21 anni, mi hanno sparato il 10 febbraio a New Orleans. La polizia crede che potrebbe essere stato un tentativo di rapina. Due sospetti sono ricercati.

Mi chiamavo TAJA GABRIELLE DE JESUS, avevo 36 anni, sono morta a San Francisco l’8 febbraio a causa di ripetute coltellate. Il sospettato, James Hayes, si è suicidato prima che la polizia potesse trovarlo.

Il mio nome era BRI GOLEC, sono stata uccisa da mio padre che, durante un litigio domestico, mi ha accoltellata a morte ad Akron in Ohio il 13 febbraio 2015.

Mi chiamavo LAMIA BEARD, avevo 30 anni e sono morta in ospedale a Norfolk in Virginia, per ferite da arma da fuoco, il 17 gennaio 2015.

Mi chiamavo PAPI EDWARDS, avevo 20 anni e mi hanno sparato a Louisville in Kentucky, il 9 gennaio 2015. Un sospetto, Henry Richard Gleaves, è stato accusato del mio omicidio.

Il mio nome era NEPHI LUTHERS, mi hanno sparato in testa delle persone con cui stavo parlando a Georgetown in Guyana, il 21 luglio 2015. La polizia ha arrestato un sospetto e ne sta cercando un secondo. Avevo 20 anni.

Mi chiamavo DIOSVANY MUNOZ ROBAINA, soprannominata La Eterna. La mia vita si è conclusa a 24 anni a Pinar del Rio, Cuba. Alcuni ragazzi mi hanno tirato delle pietre fino ad uccidermi. Quello che ha confessato di avermi tirato la pietra mortale aveva 17 anni.

Mi chiamavo ALVES DE MATOS JR., avevo 21 anni, sono stata pugnalata e smembrata a San Paolo del Brasile, il 25 settembre 2015.

Il mio nome resta sconosciuto, avevo 41 anni e sono morta ad Alicante in Spagna a causa di un grave trauma alla testa e al collo, era il 21 luglio 2015.

Mi chiamavo L.A. DE SOUSA, avevo 22 anni mi hanno ritrovata il 30 settembre in una discarica a San Paolo con un coltello nel collo.

Mi chiamavo WALESKA RAYALA mi hanno uccisa a Rio Grande do Norte in Brasile con 27 coltellate. Avevo 21 anni.

Il mio nome era PAULINHA, la mia età non si è saputa, mi hanno ucciso dei colpi di pistola alla testa e al petto, a Rio Grande do Norte l’8 settembre 2015.

Mi chiamavo FLOWER e avevo 39 anni, mi hanno picchiata a morte il 27 agosto ad Amazonas Brasile.

Mi chiamavo VHA DOS SANTOS e avevo 25 anni, sono morta a causa di multipli colpi di arma da fuoco, a Rio de Janeiro il 24 agosto.

Il mio nome era PATRICIA, avevo 29 anni, la causa della mia morte è rimasta sconosciuta. hanno ritrovato il mio cadavere in un cespuglio a santa Terezinha in Brasile.

Nome sconosciuto, circa 45 anni, mi hanno sparato in testa il 25 luglio a Alta Floresta d’Oeste in Brasile.

Il mio nome era GABI, avevo 26 anni e mi hanno picchiata a morte a Valparaiso de Goias in Brasile, il 19 luglio 2015.

Mi chiamavo ERIKA AGUILERA vivevo a Dourados in Brasile, il 16 luglio un cliente mi ha sparato alla schiena, uccidendomi. Arrestato in flagranza ha dichiarato di aver perso il controllo dopo aver scoperto che non ero una donna. Avevo 25 anni.

Mi chiamavo INDIA NASCIMENTO. Avevo 29 anni. Sono morta dopo 3 giorni di agonia in ospedale a Pernambuco in Brasile a causa delle percosse subite.

Il mio nome era L.R.O. DORTA, avevo 26 anni sono morta a Pernambuco in Brasile, il 12 luglio, sono stata decapitata.

Mi chiamavo VANESSA CALACA, il 12 luglio a Goias in Brasile due uomini, dopo aver avuto un rapporto sessuale con me, mi hanno impiccata e uccisa colpendomi in testa con due grosse pietre. I colpevoli sono stati arrestati. Io avevo 27 anni.

La mia identità è sconosciuta, mi hanno sparato alla schiena e all’addome a Manaus in Brasile, il 30 giugno 2015.

Anche la mia identità è sconosciuta, sono morta a causa di una coltellata al collo a Cacoal in Brasile, 5 giorni dopo.

Mi chiamavo BRUNA J. MENDES, avevo 27 anni, sono stata uccisa il 29 giugno con diversi colpi di pistola a Italpebi in Brasile.

Il mio nome era SIDNEY ARAÚJO CLAUDINO e avevo 19 anni, mi hanno sparato nel petto a Dourados in Brasile, il 23 giugno 2015.

Il mio nome era LAURA VERMONT, sono morta in ospedale a San Paulo a causa di ferite non meglio specificate. Due ufficiali della polizia militare sono stati arrestati per il loro coinvolgimento nella mia morte. Io avevo 18 anni.

Mi chiamavo KAUANE DA SILVA, avevo 35 anni, sono morta a Santa Maria in Brasile per un colpo di pistola alla testa.

La mia identità e la causa della mia morte sono rimaste sconosciute, hanno trovato il mio corpo bruciato a Serra in Brasile.

Mi chiamavo KELLY SILVA, avevo 31 anni. Sono morta a Uberaba in Brasile a causa di coltellate al collo e alle braccia.

Mi chiamavo ANDRÉIA AMADO, sono stata uccisa 29 anni da un colpo di pistola il 4 giugno a Porto Alegre in Brasile.

Il mio nome era CAROL MELO, avevo 30 anni. Il 3 giugno 2015 a Manaus in Brasile sono stata strangolata.

Mi chiamavo PRISCILLA DA SILVA, avevo 23 anni. Mi hanno sparato, uccidendomi, il 30 maggio a Dois Riachos in Brasile.

Mi chiamavo BARBARA SODRE sono morta a 29 anni accoltellata a Sergipe in Brasile, il 25 maggio 2015.

Mi chiamavo MICHAEL LUCAS DE ALMEIDA REGINALD, avevo 13 anni e vivevo a San Paolo. Ero tossicodipendente e mi prostituivo. Mi hanno ritrovata con il cranio rotto e 13 coltellate in tutto il corpo il 18 marzo 2015. La polizia ha arrestato 5 persone per il mio delitto, una di queste era una mia amica.

Mi chiamavo JEAN WALTRICK, avevo 27 anni quando sono stata uccisa da numerosi colpi di arma da fuoco alla testa, abitavo a Lages in Brasile.

Il mio nome era VANDRESSA VINNITT mi ha ucciso un colpo di pistola a Realengo Brasile, il 18 maggio 2015.

Il mio nome era TICIANE ABRAVANEL, avevo 21 anni mi ha uccisa un colpo di pistola a Pernambuco in Brasile, 18 maggio 2015.

Mi chiamavo LA MONIQUE DE ROMA, avevo 43 anni, mi ha uccisa un colpo di pistola a San Paolo il 14 maggio 2015.

La mia identità resta sconosciuta mi ha ucciso un colpo di pistola a Cutriba in Brasile il 3 maggio 2015.

Mi chiamavo STEFANNY, il 30 aprile a Caucaia mi ha ucciso un colpo di pistola.

Mi chiamavo JOB RODRIGUES DA SILVA, avevo 46 anni quando un colpo di pistola mi ha ucciso a Porto Velho in Brasile.

Il mio nome non si conosce, sono stata picchiata e strangolata a Manaus il 17 aprile 2015.

Ero BRUNA, avevo 47 anni, mi ha uccisa un colpo di pistola a Vitoria in Brasile il 16 aprile 2015.

Mi chiamavo BRUNA QUÉRCIA, avevo 15 anni, due uomini su una moto mi hanno seguita e uccisa con diversi corpi di pistola la notte del 15 aprile a Vila Velha in Brasile.

Il mio nome era VICTÓRIA CAMARGO, avevo 29 anni, mi ha uccisa un colpo di pistola a Venancio in Brasile il 13 aprile 2015.

Il mio nome era BRUNA MICHELE, mi hanno picchiata a morte a Belo Horizonte in Brasile. Avevo 20 anni.

Mi chiamavo VANESSA GANZAROLI, avevo 18 anni, vivevo a Petrolina in Brasile. Il 3 aprile mi hanno uccisa con multiple coltellate.

Il mio nome era DEBORA, il 2 aprile a San Paolo sono morta a causa di colpi di pietre.

Mi chiamavo LOTINHA, vivevo a Manaus, mi hanno uccisa accoltellandomi.

Mi chiamavo ADRIANA, avevo 22 anni, diversi colpi di pistola mi hanno uccisa a Campo Grande in Brasile, il 22 marzo 2015.

Il mio nome era BIANCA ARAUJO, sono morta a 21 anni a causa di colpi di arma da fuoco a Fortaleza in Brasile.

Il mio nome era PIU DA SILVA, avevo 25 anni. Il mio corpo sfigurato è stato trovato il 24 gennaio a Rio de Janeiro. Il giorno dopo un video ha mostrato come ero stata torturata.

Mi chiamavo NATÁLIA FERRAZ, avevo 21 anni, sono stata uccisa con numerosi colpi di pistola a San Paolo, il 27 febbraio 2015.

Il mio nome era YGOR FERNANDO OLIVEIRA SANTOS, avevo 20 anni, sono stata uccisa a Marechal Deodoro in Brasile con numerosi colpi di pistola sparati da alcuni balordi su un’auto.

Mi chiamavo KEITY, avevo 23 anni, sono morta a Salvador in Brasile in seguito a numerose coltellate.

Mi chiamavo LARA, il mio corpo è stato ritrovato per strada a Parauapebas in Brasile. Avevo la testa fracassata da una pietra, avevo 16 anni.

La mia identità è sconosciuta, mi hanno uccisa con multipli colpi di pistola a Salvador in Brasile il 20 febbraio 2015.

Il mio nome era RAÍSSA, avevo 19 anni. Sono stata accoltellata a morte al collo e al petto il 16 febbraio a Campina Grande in Brasile.

Il mio nome era CAPITÚ SANTOS, avevo 31 anni, sono stata pugnalata a Manaus in Brasile il 16 febbraio 2015.

Mi chiamavo JOYCE AKIRA, ero una ragazzina, mi hanno sparato ripetutamente a Mangabeira in Brasile, l’8 febbraio 2015.

Mi chiamavo PATA, sono morta strangolata a 35 anni a Macapà in Brasile il 7 febbraio 2015.

Mi chiamavo DIDINHA, avevo 18 anni. Mi hanno sparato ripetutamente a Vitória de Santo Antão in Brasile, il 1 febbraio 2015.

La mia identità è sconosciuta, mi hanno sparato a Lorena in Brasile il 17 marzo 2015.

Ero LÉO e avevo 26 anni quando mi hanno sparato a Vitoria da Conquista in Brasile.

Mi chiamavo ZELLA ZIONA, avevo 21 anni mi hanno attirata e sparato vicino a Gaithersburg, in Maryland. Un sospetto è stato accusato del mio omicidio.

Il mio nome era DIANA SACAYÁN ero un’attivista transgender argentina, leader di ILGA. Il mio corpo è stato trovato nel mio appartamento in Buenos Aires, legato al letto e accoltellato a morte. Sono ricercate due persone.

Mi chiamavo RAFAELA CAPUCCI, sono stata uccisa nel mio posto di lavoro a Vogtsburg in Brasile il 7 ottobre 2015.

Mi chiamavo MELVIN e avevo 30 anni, mi hanno sparato a Detroit il 5 ottobre 2015.

Il mio nome era KIESHA JENKINS, avevo 22 anni. Un gruppo di uomini mi ha aggredita e poi uno di questi mi ha sparato alla schiena 2 volte. Sono morta in ospedale a Filadelfia il 6 ottobre 2015. Un sospetto è stato arrestato.

Mi chiamavo CHOCOBAR MARCELA, avevo 26 anni. Il mio corpo è stato trovato bruciato e smembrato, dai resti del mio scheletro hanno identificato il mio dna un mese dopo. Vivevo a Santa Cruz in Argentina.

Il mio nome era JASMINE COLLINS, avevo 32 anni. Sono stata pugnalata a morte a Kansas City nel giugno 2015. La mia assassina Tia Townsel è stata arrestata.

Mi chiamavo ELISHA WALKER ero scomparsa da un anno quando hanno ritrovato il mio corpo in una buca in Nord Carolina. Il mio assassino, Angel Dejesus Arias, è stato arrestato, mi aveva sepolto nel suo giardino.

Ero DAYA RANI KINNAR, avevo 65 anni e vivevo a Uttar Pradesh in India. Ero un’attivista transgender. Mi hanno sparato nel mio appartamento con un colpo di pistola alla testa, probabilmente esploso dall’esterno.

Mi chiamavo FRANCELA MÉNDEZ RODRÍGUEZ, avevo 29 anni, ero una nota attivista trans in Salvador. Alle prime ore del 31 maggio sono stata uccisa da un gruppo di ignoti mentre facevo visita a un mio amico. Si sospetta che il mio omicidio sia avvenuto a causa della mia attività politica.

Mi chiamavo LONDON CHANEL e avevo 21 anni. Sono morta in ospedale a Filadelfia a causa delle ferite alla schiena e al collo che il mio fidanzato mi ha procurato con un temperino.

Il mio nome era ALMAROOF BIJLI, avevo 30 anni, i miei resti mutilati e carbonizzato sono stati ritrovati 10 giorni dopo la mia scomparsa vicino a una fermata di autobus a Gungal in Pakistan il 5 maggio 2015.

I nostri nomi erano SAIMA, ZAIB and BILLI, eravamo con altre persone transgender in una via affollata di Rawalpindi in Pakistan quando due motociclisti hanno aperto il fuoco verso di noi. Due di noi sono morte subito, l’altra in ospedale. Altre due trans che si trovavano lì hanno riportato solo ferite.

Il mio nome era VANESSA SANTILLAN avevo 33 anni e vivevo a Londra. Il mio corpo è stato ritrovato semi nudo sul pavimento del mio appartamento con forti traumi alla testa e al collo. E’ stato accusato dell’omicidio mio marito Joaquin Gomez-Hernandez.

I nostri nomi sono sconosciuti. Eravamo due transgender pakistane. Il 6 aprile di ritorno da una festa di matrimonio un gruppo di uomini ci ha sparato.

Il mio nome era KRISTINA GRANT INFINITI avevo 46 anni. Hanno ritrovato il mio corpo nella mia casa a Miami. Dopo aver classificato la mia morte come suicidio, la polizia ha aperto una indagine per omicidio.

Il mio nome era SUMAYA DALMAR, ero una donna trans di origini somale di 26 anni. Il mio corpo è stato ritrovato il 22 febbraio a Toronto, non sono chiare le circostanze della mia morte.

Mi chiamavo MARIASOL ALMEIDA, avevo 39 anni. Mi hanno pugnalata 6 volte e avvolta in un lenzuolo nel mio salone di bellezza a Guayaquilin Equador. Era la vigilia di Natale.

Il mio nome era MICHELLE VASH PAYNE, avevo 33 anni. Sono stata pugnalata a Los Angeles dal mio fidanzato che poi ha dato fuoco all’appartamento.

Mi chiamavo TY UNDERWOOD, avevo 24 anni. Mi hanno sparato in Texas mentre cercavo di fuggire con la mia auto che però è andata contro un albero. Del mio omicidio è stato accusato Carlton Champion con cui avevo una relazione.

Il mio nome era GIZZY FOWLER, avevo 24 anni, mi hanno sparato nella mia auto a Nashville il 12 novembre 2015. Il colpevole si è consegnato alla polizia.

Il mio nome era DESHAWANDA SANCHEZ, avevo 21 anni. Mi hanno sparato nella veranda della mia casa a Los Angeles il 3 dicembre 2015. Ho chiamato la polizia e sono morta poco dopo. Un sospetto è stato arrestato.

Il mio nome era KEYMORI SHATOYA JOHNSON mi hanno sparato nella mia casa di Albany il 6 dicembre 2015. Avevo 24 anni. Un sospetto è stato arrestato.

Mi chiamavo HANDE Ö, avevo 35 anni ed ero un’attivista trans di origini turche. Sono stata ritrovata con le mani legate e strangolata con un asciugamano nel mio appartamento di Vienna il 19 gennaio 2015.

Il mio nome era FERNANDA “COTY” OLMOS, avevo 59 anni e vivevo a Santa Fe in Argentina. Sono stata uccisa nella mia casa con coltellate al collo, alla schiena e all’addome e uno sparo al petto.

La libertà del Barocchio è anche la nostra!

Lbarocchioa libertà del Barocchio è anche la nostra!

Il Maurice glbtq (gay, lesbiche, bisessuali, transgender, queer) di Torino esprime profonda solidarietà e vicinanza al Barocchio squat e dichiara una ferma opposizione all’ipotesi di un suo sgombero, per trasformare l’intera area in una R.E.M.S. (Residenza per l’Esecuzione Misure di Sicurezza), restyling dei vecchi O.P.G. (Ospedali Psichiatrici Giudiziari).
A proposito di “follia”, ci sembra una scelta veramente folle quella di trasformare uno spazio di libertà, autogestione ed autodeterminazione in una “nuova” forma di reclusione e coercizione.
L’esperienza dei 23 anni del Barocchio è anche la nostra, il bisogno e il piacere di sperimentare altre e nuove forme di esistenza e socialità, di esprimere in libertà il proprio modo di essere, il più possibile al di fuori da condizionamenti sociali massificanti e da logiche di profitto.
La libertà del Barocchio è anche la nostra, di persone lgbtq che da anni lottano su territorio contro varie forme di oppressione basate su orientamento sessuale ed identità di genere, contro dunque l’omolesbotransfobia, ma non solo: fascismi e razzismi vecchi e nuovi, sessismo, clericalismo, ecc.,  e che trovano dunque un forte alleato nell’esperienza del Barocchio e in altre simili.
Ringraziamo il Barocchio per l’azione politica sin qui svolta e lo invitiamo a resistere; faremo di tutto per essergli vicino e per contribuire alla battaglia contro lo sgombero, nella certezza che il futuro ci riserverà la possibilità di continuare a lottare insieme come sinora avvenuto in diversi frangenti della nostra storia.

Invitiamo inoltre a seguire le iniziative antisgombero sul sito Tuttosquat