Serate TranSversali, presentazione del libro: “Trasformare le pratiche nelle organizzazioni di lavoro e di pensiero”

volantino-8-aprileMaurice glbtq presenta:
Serate TranSversali, incontri con l’identità di genere, organizzate da Christian Ballarin e Piero Cantafio, in collaborazione col Servizio lgbt della Città di Torino.

Venerdì 8 aprile 2016
Via stampatori, 10 – Torino
ore 21.00 presentazione del libro: 

“Trasformare le pratiche nelle organizzazioni di lavoro e di pensiero” di Stefano Olivero, Luigi Maria Sicca e Paolo Valerio, 
Editoriale Scientifica,  2015

Sarà presente Paolo Valerio co-autore e presidente ONIG.

Questo libro parla di inclusione. Lo fa esplorando, con taglio critical, le organizzazioni di lavoro e di pensiero.
Questo libro si lascia interrogare dai diritti delle persone transgender, che supportano studiosi e manager a riconoscere e apprendere alcune dinamiche che caratterizzano il mondo del lavoro.
Questo libro insegna che stigmatizzare penalizza le organizzazioni, nucleo dei processi di creazione di valore: economico e sociale.
Questo libro spiega che erigere barriere può condannare le organizzazioni e la società all’ingiustizia, al torpore inerziale di abiti di pensiero incrostati. All’incapacità di essere fautori, autori e consapevoli attori di un cambiamento possibile, che consente a tutti – nessuno escluso – di fiorire nella propria soggettività.
Perché transformare è quotidiana militanza interdisciplinare. Quella che nasce dall’urgenza del dialogo: tra saperi astratti e quelli specialistico-professionali, tra pensiero e azione.
Perché transformare vuol dire investigare il meticciato, incrociando gli sguardi sull’esperienza delle identità e nelle identità. Suscitando, in sé e nell’altro, prospettive altrimenti inedite.
Se ne consiglia la lettura a chi voglia bilanciare i vantaggi del “modello” con quelli dello “slancio”: il secondo non esclude il naufragio; il primo ammette la gabbia. Discernere tra l’uno e l’altro impone rigore, criterio, giudizio, riconoscimento delle differenze: allo scopo di includere, perché l’inclusione è pratica quotidiana.
Se ne (s)consiglia la lettura a chiunque non si sia mai, almeno un pochino, almeno una volta, sentito davvero diverso a se stesso.

Print Friendly, PDF & Email