Eventi

Nov
25
Mer
“Vite Divergenti”, proiezione documentario sulla realtà trans italiana @ sede ARCI
Nov [email protected]:00–18:00

vite divergenti

Mercoledì 25 novembre ore 17.00, in occasione del TDoR, presso la sede ARCI Torino, via Verdi, 34, Torino, “Vite Divergenti”, proiezione del documentario sulla realtà trans italiana prodotto da REALTIME, in collaborazione con il MIT di Bologna. La proiezione rientra nel programma del Torino Film Festival OFF. Interverranno: Christian Ballarin (Maurice GLBTQ) e la Dr.ssa Mary Nicotra (psicanalista e psicoterapeuta che collabora con Spo.T, sportello Trans del Maurice).
Organizzato da: Maurice GLBTQ e il Coordinamento Torino Pride GLBT

Print Friendly, PDF & Email
Gen
15
Ven
Spettacolo “Adulto” al caffè della caduta @ Caffè della caduta
Gen [email protected]:00–22:30

adultovenerdì 15 gennaio, ore 21.00
Caffè della Caduta

Piazza Santa Giulia 11 – Torino
Dario Muratore torna al Caffè della Caduta dopo “Radio Belice non trasmette” con
ADULTO
ispirato dai testi finali di Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante, Dario Bellezza

uno spettacolo di Giuseppe Isgrò
con Dario Muratore
voci Ferdinando Bruni, Ida Marinelli
drammaturg Francesca Marianna Consonni
suono Giovanni Isgrò
in collaborazione con Voci Erranti, Racconigi (CN) e TMO Teatro Mediterraneo Occupato, Palermo
una produzione Phoebe Zeitgeist Teatro

«Nello stesso tempo in cui progettavo e scrivevo il mio romanzo, cioè ricercavo il senso della realtà e ne prendevo possesso, proprio nell’atto creativo che tutto questo implicava, io desideravo anche di liberarmi di me stesso, cioè di morire. Morire nella mia creazione: morire come in effetti si muore, di parto: morire come in effetti si muore, eiaculando nel ventre materno»

Pier Paolo Pasolini, Petrolio, Appunto 99

Adulto è una ricerca sulla parte maledetta della crescita, quella che non matura, che non si dichiara, che non si esprime e che non si arresta: un’energia sotterranea e magmatica, devastante quanto generatrice. Lo sguardo del pubblico si affaccia su un cantiere di uno scavo immaginale. Qui sono insabbiati gli oggetti ludici, erotici, i feticci e i travestimenti di un individuo abnorme e delicatissimo, che produce i suoi riti scabrosi in questo che sembra un luogo periferico, sospeso, tutto autogenerato, autonomo rispetto al resto del mondo.
Linee di led e radio analogiche sono i confini visivi e sonori della scena, un luogo della mente che restituisce suoni, bagliori, presenze: è un buco dall’attività frenetica, una fossa abitata da un unico personaggio, costantemente antagonista. Tuttavia questa non è la storia dell’ostilità alla vita o di un arroccamento, ma quella al contrario di una totale resa, di una spesa oscena di sé, di un’estasi fatale, unita carnalmente al fallimento. Invece di crescere e divenire solido, l’io si disperde, si sparge, decresce, torna all’origine, fino all’utero materno. Le trasformazioni a cui è sottoposto il personaggio trascendono il genere sessuale, la morale, il ruolo sociale, la direzione ordinaria della vita. Tutto il processo è però attraversato da desiderio, amore, bisogno estremo e abominevole di tenerezza.

Si tratta di una bestemmia recitata con il rapimento di una preghiera, di un sublime sprofondare. Le parole che compongono questa contro oratoria sono tratte dalle opere finali di Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante e Dario Bellezza, accomunate dall’essere liriche filosofiche, opere pericolose e azzardate, crolli monumentali che prefigurano la morte e sono assieme capaci di un pensiero visionario e rigenerativo sul divenire. Da questi testi controversi emerge la possibilità di un procedere diverso, interno alla vita, contrario all’essere unitari, finiti, coerenti, pienamente adulti. Adulto è infatti una dedica allo spirito che è capace di osare strumenti di conoscenza impervi e non convenienti, quali il regresso, il percorso a ritroso, l’involuzione, il ricorso all’infanzia, uscire dal genere e degenerare.

Dario Muratore (Palermo, 1986)
Inizia il suo percorso teatrale all’interno della Scuola Sperimentale Liberiteatri a Palermo. Approfondisce i suoi studi incontrando attori e registi come, Eugenio Barba e Julia Varley, Danio Manfredini, Valerio Binasco, Massimiliano Civica, Motus (Biennale College), Vincenzo Pirrotta, Sara Sole Notarbartolo, Enrico Roccaforte, Elio Germano.
Vanta esperienze con i danzatori Alessandra Luberti, Giuseppe Muscarello, con il coreografo Ron Howell nell’opera L’Oro del Reno, con Manuela Lo Sicco, per la Carmen di Emma Dante e con Sandro Maria Campagna (Maestro d’armi alla Silvio D’amico). Nel 2012 è aiuto regia del progetto Il Grappolo dei TeatriAlchemici con Ugo Giacomazzi per il Napoli Fringe Festival e successivamente partecipa allo spettacolo Sangue con il coreografo Giuseppe Muscarello. Nel 2013 lavora come attore a “Radio Belice non trasmette” di Giacomo Guarneri, vincitore del Premio Etica in Atto. Nel 2014 si trasferisce a Milano e inizia un percorso di fonetica e dizione e un percorso di collaborazione come attore con la compagnia Phoebe Zeitgeist.

Giuseppe Isgrò (Milano, 1980)
Comincia le sue esperienze in scena ne “La tempesta di Shakespeare” regia Bruni – Frongia, di cui diventa assistente alla regia per lo spettacolo “L’ignorante e il folle” di Thomas Bernhard.
Nel 2005 fonda la compagnia teatrale Phoebe Zeitgeist, proveniendo dall’omonimo gruppo post punk sperimentale. Debutta nel giugno del 2008 al Teatro dell’Elfo con lo spettacolo “Line, il tempo di Agota Kristof”.
Nel 2012 inizia la collaborazione col Teatro Garibaldi Aperto di Palermo, debuttando nel settembre 2013 con la coproduzione e la regia di “Preghiera. Un atto osceno” scritto e interpretato da Margherita Ortolani. Nel 2014 debutta al Teatro Elfo Puccini con “American Blues di Tenessee Williams”. L’ultima produzione è “Adulto”, isprato dai testi fnali di Pasolini, Bellezza e Morante. Lo spettacolo è selezionato per un’anteprima all’Altofest di Napoli ed è in stagione 2014/15 al Teatro della Contraddizione, a Milano. Nel dicembre 2014 vince il premio della la giuria giovane per il Festival Internazionale della Regia teatrale Fantasio, città di Trento.

Print Friendly, PDF & Email
Mar
17
Gio
Documenti diversi. Il coming out in progress degli archivi GLBTQ+ in Italia @ Maurice
Mar [email protected]:30–18:30

archivi

Documenti diversi. Il coming out in progress degli archivi GLBTQ+ in Italia
Incontro per fare il punto sullo stato dei fondi archivistici del movimento GLBTQ+ italiano.

Giovedì 17 marzo 2016, ore 14.30
Maurice glbtq
Via Stampatori, 10 – Torino

Le nostre realtà sono molto variegate, dal Nord al Sud, dalle grandi alle piccole città, senza parlare degli immensi patrimoni personali che giacciono nelle case delle persone. In alcuni luoghi esistono archivi strutturati, in altri le raccolte attendono di essere descritte e conservate.

Quali scelte strategiche possiamo mettere in atto, sperando che questo non sia l’ennesimo tentativo senza seguito…? Possiamo riprendere il filo del lavoro svolto finora, ampliarlo e portarlo avanti?

Interverranno:
Cristian Lo Iacono, Maurice GLBTQ di Torino
Francesca Ortolano, Maurice GLBTQ di Torino e rappresentante ANAI, sezione Piemonte e Valle d’Aosta
Simone Cangelosi e Elisa A.G. Arfini, Archivio OUT-TAKES di Bologna
Sara De Giovanni, Il Cassero di Bologna
Porpora Marcasciano, MIT Italia
Ottavia Voza, Arci Gay Nazionale
Archivio Queer Italia

Print Friendly, PDF & Email
Apr
15
Ven
Seminario “La legge sul cambiamento di sesso, fra interpretazioni dei giudici e prospettive di riforma” @ Campus Luigi Einaudi, Aula D4
Apr [email protected]:00–19:00

legge164cirsdeSeminario
La legge sul cambiamento di sesso, fra interpretazioni dei giudici e prospettive di riforma

Venerdì 15 aprile 2016 – ore 17,00
Campus Luigi Einaudi – Aula D4, primo piano
Lungo Dora Siena n. 100, Torino

Programma
Introduce:
Mia Caielli (CIRSDe, Università degli Studi di Torino)
Relazioni:
Enzo Cucco (Regione Piemonte)
“La legge 164 del 1982: genesi e sviluppo”
Anna Lorenzetti (Università degli Studi di Bergamo)
“I profili interpretativi della legge 164 e la questione dell’intervento chirurgico”
Christian Ballarin (Maurice GLBTQ, Torino)
“Le prospettive di riforma nel quadro comparato”

Per informazioni: CIRSDe | 011.6703129 | [email protected]

Print Friendly, PDF & Email
Mag
14
Sab
Presentazione di “Arnold” al Salone del libro @ Salone del Libro
Mag [email protected]:00–20:30

arnoldIl Maurice glbtq, in collaborazione col Coordinamento Torino Pride glbt, presenta:
Sabato 14 maggio
2016
ore 19.00
ARNOLD
Storia di un uomo nato femmina
di Davide Tolu

relatrice: Mary Nicotra
coordina: Christian Ballarin
sarà presente l’autore
Il dibattito sarà preceduto dalla “tres courte performance” di B- Teatro

Fiera Internazionale del Libro, Spazio Piemonte/Arena

Apparso per la prima volta nel 2000 per le edizioni EUR col titolo Il viaggio di Arnold, romanzo di ispirazione autobiografica, Arnold esce ora in questa nuova edizione completamente rivisitata e corretta.

“Sono troppo ubriaco, manco so più riconoscere un maschio da una femmina.”
Ciccio tossì.
“Non sei tu che sei troppo ubriaco, Giuanni. Mi sa che, quando ha fatto Arnold, s’era ubriacato il Padreterno.”

Arnold sta vivendo con disagio sin dai primi anni dell’infanzia. Perché mai gli è stato assegnato un corpo da bambina e non uno da maschio? I primi segni della femminilità che sboccia lo lasciano sgomento, i genitori non lo capiscono. Questo è solo l’inizio di un viaggio verso l’essenza più vera dell’identità umana, che mette in campo tutte le parti di sé. Una trasformazione che passa per travestimenti minuziosi, allenamenti estenuanti, circoli politici, gruppi spirituali e una full immersion nel sotterraneo mondo omosessuale cagliaritano anni ’90 dal cui confronto Arnold uscirà ancora più certo di essere diverso, diverso da tutti.

Davide Tolu è drammaturgo e autore eclettico. Su Tematica transgender ha pubblicato anche Transcritti (con B. Sopelsa), ha realizzato lo spettacolo One New Man Show, andato in scena nelle maggiori città italiane, ed è coautore della drammaturgia di Variabili Umani, vincitore del premio tuttoteatro.com alle arti sceniche Dante Cappelletti.

Dalla postfazione dell’autore.
[…] Personalmente, ora che ho risolto il conflitto col mio corpo, non sono più interessato a una definizione sessuata. Riconosco che il mio aspetto attuale mi è congeniale per esprimermi in questo mondo, mentre percepivo quello di un tempo come una prigione. Ma sento anche che definirmi uomo ha i suoi limiti e mi limita. Sento questo per chiunque, naturalmente. La questione dell’identità, di tutto ciò che forma la nostra identità, ha assunto un significato chiaramente spirituale. E mi ha rinfrancato constatare come Il viaggio di Arnold, anche nella sua prima stesura più inconsapevole, sia stato impregnato di spiritualità: questo mi ha rimesso in pace col lavoro che avevo fatto.

Print Friendly, PDF & Email
Giu
10
Ven
Serate TranSversali, “Varianza di genere e terapia ormonale: recenti acquisizioni” @ Maurice
Giu [email protected]:00–23:00

volantino-10-giugnoMaurice glbtq presenta:
Serate TranSversali, incontri con l’identità di genere, organizzate da Christian Ballarin e Piero Cantafio, in collaborazione col Servizio lgbt della Città di Torino.

Venerdì 10 giugno 2016
Via stampatori, 10- Torino
ore 21.00

Varianza di genere e terapia ormonale: recenti acquisizioni.
Interviene la dr.ssa Adriana Godano, endocrinologa.

Print Friendly, PDF & Email
Lug
9
Sab
Torino Pride 2016: Il domani ci appartiene @ Via San Donato e Piazza San Carlo
Lug [email protected]:00–23:45

topride2016

Quest’anno il Pride piemontese, che nel 2015 ha coinvolto circa 70.000 persone, confermandosi come la più partecipata manifestazione del territorio dedicata al riconoscimento dei diritti di tutte e tutti, compie 10 anni.

Il Torino Pride, che si svolgerà il 9 luglio 2016 e il cui claim 2016 è “il domani ci appartiene”, per festeggiare l’importante anniversario, avrà un respiro e una visibilità nazionali e non si risolverà nella sola parata ma, grazie anche al convinto supporto di tutte le istituzioni e di diversi sponsor privati, prevederà un importante happening in piazza San Carlo con la partecipazione di ospiti di fama internazionale.

Fra gli eventi collegati al Pride 2016 anche una mostra alla Fondazione Merz, un’asta benefica il cui ricavato andrà a Casa Oz, la conferenza internazionale “The march towards equality. Celebrating Prides in Eastern Europe” e il Rights Village a Torino Esposizioni.

Il Torino Pride 2016, organizzato dal Coordinamento Torino Pride, fa parte dell’Onda Pride che prevede lo svolgimento di molte parate in varie città d’Italia per reclamare il riconoscimento dei diritti civili.

Coordinamento Torino Pride GLBT www.torinopride.it[email protected]
Ufficio Stampa Torino Pride: con.testi + 39 011 5096036 +39 347 7726482 +39 333 4442790

Manifesto Politico 2016

Print Friendly, PDF & Email
Lug
19
Mar
DAL NEW BLACK ALLE BADHOLE PASSANDO PER CAROL @ Rights Village
Lug [email protected]:00–20:00

orange

Martedì 19 luglio 2016, ore 18.00
a Torino Esposizioni, Rights Village – Torino Esposizioni – viale Boiardo

DAL NEW BLACK ALLE BADHOLE PASSANDO PER CAROL
una tavola rotonda su produzioni visive e immaginario lesbico.

con
Paola Guazzo, saggista e editor
Paola Pallavicini, storica dei Media, Università di Torino
Giorgia Succi, ricercatrice indipendente
e, naturalmente, le Badhole video

a cura dell’AltraMartedì Maurice GLBTQ

Qui il programma completo: RV Programma WEB

Print Friendly, PDF & Email
Nov
21
Lun
Proiezione del documentario NAPOLI IN TRANS @ Biblioteca Ginzburg
Nov [email protected]:45–23:00

ginzburg_tdorIn occasione del TDoR, giornata in ricordo delle vittime dell’odio transfobico,
Lunedì 21 novembre 2016, ore 20.45
Biblioteca Civica Ginzburg, Via Lombroso, 16  Torino.
Le biblioteche civiche, il Servizio lgbt della Città di Torino,  il Maurice glbtq, l’Associazione Scambiaidee e Le donne per la difesa della Società civile presentano:

Proiezione del documentario “NAPOLI IN TRANS”,  di Ciro Scuotto.
Un breve documentario dai toni delicati ed evocativi, appositamente scelti per un argomento trattato come un tabù, ancora motivo di discriminazione e scherno per l’opinione pubblica.

Letture a cura dell’Associazione Donne per la difesa della Società civile, testimonianze di persone transessuali/transgender e discussione.

ginzburg_t-dor_A3

Print Friendly, PDF & Email
Mar
25
Sab
Tavola rotonda a OLTRE IL BINARIO @ Nora book
Mar [email protected]:00–19:00

tavola rotonda

Sabato 25 marzo- h. 17/19
Nora book, Via delle Orfane, 24/D -Torino

Tavola rotonda: Percorsi, esistenze e urgenze oltre il binario.
Dialoghi con: Chiara Bertone, Nicole Braida, Margherita Giacobino, Beatrice Scella.
§Modera: Maurizio Nicolazzo del MAURICE GLBTQ

“Gli ultimi vent’anni si sono dimostrati per la comunità GLBTQI particolarmente ricchi di cambiamenti e di importanti sviluppi a livello europeo. Sono oltre sedici i paesi in Europa che hanno riconosciuto il matrimonio egualitario tra persone dello stesso sesso, tra i quali l’Irlanda (paese fortemente cattolico e conservatore) e, finalmente, l’Italia che, con la legge n. 76 del 20 maggio 2016, regolamenta le unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze. Oggi si parla più apertamente di “transizione tra i generi”, si affrontano le tematiche di “famiglia” e di “identità” in un ottica di possibile cambiamento e in un clima in cui è possibile percepire l’integrazione ed i diritti per la diversità come una condizione ormai reale e permanente. Dagli anni 80 ad oggi , le lotte per dare voce alle richiesta di uguaglianza di diritti e di rispetto delle diverse esistenze, si manifestano in modi differenti. L’esistenza di un sentire diverso, di una creazione di un’amore “altro”, di una famiglia multicomposta dai ruoli fluidi, sono elementi concreti della nostra società. L’interazione binaria e i suoi sistemi, ripetendosi su se stessi, opponendosi, configurandosi sempre verso una sola direzione, hanno soffocato il fiorire di esistenze differenti e rizomatiche che nascono dalle fessure di quegli stessi binari. Tali esistenze, crescendo attorno al binarismo e modificandone i codici, si trasformano in nuove costellazioni esistenziali, in nuove capacità espressive di identità la cui specificità risiede nel fatto di saper andare oltre il binario. In questa realtà nuova, acquisita, di vittorie e di slogan stereotipati…quali sono le storie individuali, le urgenze poetiche e di esperienza umana che vanno difese, protette, insegnate e spiegate con cura?”

vedi qui la rassegna completa

Print Friendly, PDF & Email