Eventi

Feb
6
Sab
Spettacolo teatrale tratto dal libro “Le strade del Mare” @ Maurice
Feb [email protected]:00–23:00

le strade del mare

L’Altramartedì eccezionalmente si sposta al sabato per presentare lo spettacolo teatrale tratto dal libro “Le strade del Mare” di Rosi Polimeni recitato da Monica Gilardetti da un’idea del regista Fabio Tedoldi della compagnia LaCaramella.

SABATO 6 febbraio 2015, ore 21,00
Maurice GLBTQ
Via Stampatori, 10

Nello spazio raccolto del Maurice, ci presenteranno le storie intrecciate del libro “Le strade del mare”, davvero interessante e ricco di argomenti: il mare come tema centrale, mare che unisce e divide terre, famiglie, persone; mare su cui navigano da un continente all’altro tre generazioni di donne, che si scontrano sempre, ovunque e in qualsiasi tempo, con il patriarcato e il dominio maschile; donne forti e segnate dalla vita, rapporti tra donne difficili e complessi, rapporti tra donne sbilanciati, amore e non accettazione, rapporti incompiuti fino all’ultimo con le madri amate/odiate, il tutto nella cornice, drammaticamente sempre attuale, dello sfruttamento dei migranti e della loro vita grama, il cui peso ricade, sempre in misura maggiore, sulle donne, che subiscono sempre tutti i tipi di dominio.

Per prenotare la cena che precederà lo spettacolo scrivere a: [email protected]

Print Friendly, PDF & Email
Nov
26
Sab
Un fiocco è fatto di fili: l’AIDS e le sue conseguenze @ Maurice
Nov [email protected]:30–19:00


hiv.26.11

Sabato 26 novembre 2016 ore 17:30
Maurice glbtq, Via Stampatori, 10 -Torino

In occasione della Giornata Mondiale di lotta all’AIDS, all’interno delle iniziative del Sabato in Ciabatte,
l’associazione “La Mente e l’Universo” presenta
:
Un fiocco è fatto di fili: l’AIDS e le sue conseguenze.
Ne parliamo con  Davide Monetto,  socio Maurice che da anni segue su articoli e libri a tema le ultime scoperte sull’HIV e si avvarrà di una bibliografia scientifica accreditata.

Di cosa è fatta la malattia del secolo? Di decine di anni di epidemia, migliaia di pubblicazioni scientifiche, milioni di morti, ancor più malati. Percorreremo qualche filo di questa matassa per dare uno sguardo alla enorme complessità delle conseguenze che porta un piccolo virus

Print Friendly, PDF & Email
Dic
2
Ven
Ultimo volantinaggio Maurice per il NO al referendum! @ All'aperto
Dic [email protected]:00–19:00

NODomani pomeriggio, venerdì 2 Dicembre, il Maurice sarà nuovemente in piazza a volantinare col suo appello per il NO al referendum!

L’appuntamento è in Via Roma/Piazza Carlo Felice dalle 17.00.

Un ultimo sforzo prima dell’apertura delle urne di domenica, e che sia NO!

 

Print Friendly, PDF & Email
Mar
10
Ven
Serate tranSversali: Le persone intersex, queste sconosciute…. @ Maurice
Mar [email protected]:00–23:00

volantino-10-marzoTranSversali, incontri con l’identità di genere 2017.
Il Maurice glbtq, in collaborazione col Coordinamento Torino Pride,  presenta:

Venerdì 10 Marzo 2017 2017, ore 19.00 con apritivo benefit
Via Stampatori,  10- Torino
Le persone interesex, queste sconosciute….
Conduce Roberta De Nardi, antropologa e formatrice, intervengono Alessandro Comeni, attivista intersex, certi Diritti OII Europe e Nicole Braida, sociologa, Intersexioni

Con il patrocinio della Città di Torino

Print Friendly, PDF & Email
Giu
17
Sab
Piemonte Pride 2017 a Torino e Alba @ Torino il 17/6 e Alba l'8/7
Giu [email protected]:00–19:00

18274866_1491482680883372_8604249341792964460_n

A corpo libero, come una danza, un esercizio o una nuotata. Il visual e il claim del Piemonte PRIDE LGBTQI 2017  creano una specie di cortocircuito. La liberazione del corpo e la liberazione delle menti, hanno non solo il fattore comune di un atto di liberazione appunto, ma sono strettamente legate in un sistema di conseguenze: da una possiamo passare nell’altra, una la conseguenza dell’altra, sia che si proceda in un senso, sia nell’altro. Liberare i nostri corpi SIGNIFICA, nei fatti, liberare la mente da costrizioni, pregiudizi e mancate autonomie. Significa in buona sostanza affermare noi stessi/e come persone, come insieme di relazioni complesse ma in grado di rivendicare autodeterminazione. Liberare i corpi, tutti i corpi, significa sottrarli alla logica commerciale indotta da altri, significa partire dalla mente libera per sciogliere le catene che anche la comunità LGBTQI spesso costruisce attorno ai corpi: il superamento dello stereotipo del corpo atletico, giovane e prestante che, nei fatti, rende marginale o invisibile chi non corrisponda a questi criteri. Il corpo e la mente, nelle nostre battaglie, devono riacquistare la propria REALTA’; liberare la mente perché si liberi essa stessa dagli elementi di esclusione al nostro interno che si sovrappongono ai forti elementi di discriminazione che la società ancora tollera o, addirittura, esaspera. Se sappiamo liberare, alzare la mente, cambiare dall’alto le prospettive e guardare oltre i muri che sempre più spesso si alzano nel mondo, sapremo anche includere il corpo disabile che altrimenti non risponde ai criteri utilitaristici dominanti, includere il corpo intersex e quello transessuale che non sono corpi difettosi, da correggere.

Esistono corpi da liberare, come le nostre menti. E un atto politico rivendicare il diritto di esistere e di mostrarsi esattamente come si è. Liberare la mente è un atto politico, liberare i corpi è un atto politico. Questo è l’inizio antico di una piccola rivoluzione.

Documento Politico Definitivo 2017

Print Friendly, PDF & Email
Lug
8
Sab
Piemonte Pride 2017 a Torino e Alba @ Torino il 17/6 e Alba l'8/7
Lug [email protected]:00–19:00

18274866_1491482680883372_8604249341792964460_n

A corpo libero, come una danza, un esercizio o una nuotata. Il visual e il claim del Piemonte PRIDE LGBTQI 2017  creano una specie di cortocircuito. La liberazione del corpo e la liberazione delle menti, hanno non solo il fattore comune di un atto di liberazione appunto, ma sono strettamente legate in un sistema di conseguenze: da una possiamo passare nell’altra, una la conseguenza dell’altra, sia che si proceda in un senso, sia nell’altro. Liberare i nostri corpi SIGNIFICA, nei fatti, liberare la mente da costrizioni, pregiudizi e mancate autonomie. Significa in buona sostanza affermare noi stessi/e come persone, come insieme di relazioni complesse ma in grado di rivendicare autodeterminazione. Liberare i corpi, tutti i corpi, significa sottrarli alla logica commerciale indotta da altri, significa partire dalla mente libera per sciogliere le catene che anche la comunità LGBTQI spesso costruisce attorno ai corpi: il superamento dello stereotipo del corpo atletico, giovane e prestante che, nei fatti, rende marginale o invisibile chi non corrisponda a questi criteri. Il corpo e la mente, nelle nostre battaglie, devono riacquistare la propria REALTA’; liberare la mente perché si liberi essa stessa dagli elementi di esclusione al nostro interno che si sovrappongono ai forti elementi di discriminazione che la società ancora tollera o, addirittura, esaspera. Se sappiamo liberare, alzare la mente, cambiare dall’alto le prospettive e guardare oltre i muri che sempre più spesso si alzano nel mondo, sapremo anche includere il corpo disabile che altrimenti non risponde ai criteri utilitaristici dominanti, includere il corpo intersex e quello transessuale che non sono corpi difettosi, da correggere.

Esistono corpi da liberare, come le nostre menti. E un atto politico rivendicare il diritto di esistere e di mostrarsi esattamente come si è. Liberare la mente è un atto politico, liberare i corpi è un atto politico. Questo è l’inizio antico di una piccola rivoluzione.

Documento Politico Definitivo 2017

Print Friendly, PDF & Email
Nov
18
Sab
Trans freedom march 2017 e incontro: “Corpi liberi. Intersezioni tra le violenze di genere” @ Piazza Vittorio
Nov [email protected]:30–19:00

tfm2017

QUARTA EDIZIONE DELLA TRANS FREEDOM MARCH A TORINO!
SABATO 18 NOVEMBRE 2017, ORE 16,30
PIAZZA VITTORIO VENETO

Qui il programma completo del TDoR 2017

Preceduta al mattino da:

Corpi liberi. Intersezioni tra le violenze di genere.
Incontro pubblico

Sabato 18 novembre 2017 – ore 9.30,  Sala Polivalente della Circoscrizione 6, via Leoncavallo 23, Torino

Approfittando della significativa contiguità  delle date del 20 novembre (Transgender Day of Remembrance, TDoR) e del 25 novembre (Giornata contro la violenza sulle donne), la Città di Torino si propone di offrire un momento di riflessione pubblica sulle radici comuni all’origine della violenza contro le donne e della violenza contro identità sessuali ancora oggi stigmatizzate e considerate fuori dalla norma. L’incontro è stato progettato dall’Area Giovani e Pari Opportunità della Città di Torino, in collaborazione con le reti associative Coordinamento contro la violenza sulle donne (CCVD) e Coordinamento Torino Pride (CTP), dando seguito ad un percorso comune sull’intreccio tra queste forme di violenza.

Seguirà, nel pomeriggio, la Trans Freedom March, in cui verranno ricordate le vittime della violenza transfobica.

Programma
09.30 Saluti istituzionali
10.00 Marta Gianello Guida (Staff Assessorato ai Diritti della Città di Torino):
Le ragioni di questo incontro

Tavola rotonda moderata da Caterina Coppola, giornalista – Gay Post, con interventi di:
10.15 Federica Turco (Semiologa, Università di Torino, CIRSDe): Identità di genere, corpi e violenza nei media. Dalle rappresentazioni ai modelli culturali;
10.30 Luca Rollè (Dipartimento di Psicologia, Università di Torino): Aspetti psicologici e dinamiche relazionali fra le diverse forme di violenza di genere;
10.45 Stefania Cartasegna (Presidente Associazione Tessere le Identità): Essere donna transessuale e confrontarsi con la violenza di genere;
11.00 Elena Bigotti (Avvocata del Foro di Torino e Consigliera di fiducia Università di Parma): Perché tutela sia, abbiamo bisogno di UN diritto “eccentrico”?

11.15 Dibattito condotto dal Servizio LGBT in collaborazione con il Gruppo formazione Coordinamento Torino Pride e del CCVD

12.45 Conclusioni

 Incontro pubblico_programma

Print Friendly, PDF & Email
Nov
28
Mar
Presentazione del vademecum “Lavoro e Diritti LGBT” @ Aula magna Campus Luigi Einaudi
Nov [email protected]:00–16:00
Dic
2
Sab
STOP AIDS 2017 – TEATRO ESPACE @ Teatro Espace
Dic [email protected]:30–23:45
Banner FB
In occasione della Giornata Internazionale per la lotta all’AIDS ritorna Oltre il Binario in collaborazione con il Coordinamento Torino Pride GLBT e il Teatro Espace per proporvi una serata di spettacolo e musica:h. 19.30Aperitivo preparato dalla Mensa Popolare MangiAsti di via Perosa 32A – Torino
h. 20.30 “LA CENA PER FAR(MI) CONOSCERE” – Primo, secondo, contorno, dessert e . . . in vino veritas!
Spettacolo Teatrale scritto da Lorenzo Beatrice, diretto e interpretato da Cristina Robasto e Lorenzo Beatrice.
Ludovica ed Eugenio, fidanzati da quattro anni, si ritrovano come ogni sera a cena insieme: questa però si rivelerà per entrambi una cena indimenticabile… Niente musica e niente effetti speciali, ovvero una scena essenziale farà da cornice alla rinascita di questa giovane coppia…h. 21.30 – “LADIES&GENTLEMEN” in concerto, che con la prorompente Saturnia Galattica, la Lady cantante queer performer e le meravigliose musiche dei Gentlemen, si mettono in scena varie e suggestive emozioni attraverso il richiamo di canzoni famose rivisitate per l’occasione.
I Ladies&Gentlemen scelgono così di affrontare quei grandi temi che coinvolgono in prima persona la società moderna: una società che sta perdendo l’arte di amare, una società che vuole imporre un modello unico di amore, una società che non è in grado di valorizzare ed accogliere ogni singola persona.
Loro sono:
Saturnia Galattica: voce e performance,
Maurizio (O Cangaceiro) Corcelli: cajon e percussioni
Giovanni Nappi: basso
Giorgio Confalonieri: chitarra e voce
Federico Confalonieri: pianoforte e congiuntivi.Biglietto: 8 euro compreso aperitivo (parte dell’incasso sarà destinato alla Mensa popolare MangiAsti)
info e prenotazioni: [email protected]

Dal 26 novembre al 10 dicembre nel foyer del Teatro Espace e presso la libreria Nora Book&Coffee sarà esposta una selezione di manifesti della mostra STOPAIDS – KEEP THE PROMISE – Venticinque anni di campagne sociali in seicento manifesti.

Si ringrazia: il MAURICE GLBTQ, la libreria NORA BOOK&COFFEE, la LILA Piemonte e la Circoscrizione 7 della Città di Torino

Print Friendly, PDF & Email