Letture glbt al Circolo Maurice riferimento della cultura queer


Data:
Versione stampabileInvia a un amico

Letture glbt al Circolo Maurice riferimento della cultura queer
21 aprile 2012 —   pagina 21   sezione: TORINO

IL VIAGGIO attraverso il mondo dei gruppi di lettura, nel censimento promosso da Repubblicae Librerie Coop per la campagna "La Compagnia dei Lettori", fa tappa oggi al Circolo Maurice, punto di riferimento delle battaglie per i diritti degli omosessuali e della cultura "queer". Dove operano agguerriti collettivi di lettori esigenti e commentatori attenti. LE CONTROVERSIE attorno al festival di cinema glbt "Da Sodoma a Hollywood" fanno capire quanto lavoro ci sia ancora da fare rispetto alla cultura "queer" anche in una città come Torino che sui diritti degli omosessuali è stata all' avanguardia. Si batte per questo, da quasi trent' anni, il Circolo Maurice, presidio Arci che tra le tante forme di militanza e di aggregazione ha anche quella dei gruppi di lettura. «Abbiamo una tradizione, in questo senso - spiega Maurizio Nicolazzo, segretario organizzativo - I gruppi si sono creati anni fa attorno al nostro centro di documentazione e alla biblioteca che contano diverse migliaia di testi». In passato luogo di rifugio e di accoglienza, il Maurice - che conta oggi circa 300 soci - è diventato il riferimento culturale della comunità. Gli incontri sono momenti di approfondimento e riflessione su un unico testo per ciascun ciclo. «Una delle ultime serie è stata dedicata al saggio di Fabrizia Di Stefano "Il corpo senza qualità" - racconta Nicolazzo - un libro sui "corpi in rivolta" talmente denso di spunti e riferimenti psicanalitici che ha richiesto al gruppo un lavoro collettivo di mesi». Dal "Manifesto contrasessuale" di Beatriz Preciado a "Queer in Italia" di Marco Pustianaz (studioso del fenomeno che gli incontri al Maurice ha anche documentato in un film), dagli "Elementi di critica omosessuale" di Mario Mieli a "Stanze private" di Eve Kosofsky Sedgwick, la Bibbia del "queer", molti del testi fondamentali della comunità glbt vengono letti, analizzati, condivisi. Al Circolo, in via Stampatori, è poi attivo da due anni e mezzo un gruppo di lettura tutto femminile, "1, 2, 3: stella!", a cura di Patrizia Ottone, all' interno de "L' altramartedì" (spazio femminista e lesbico aperto da sedici anni), che si riunisce il primo martedì del mese e segue la formula canonica delle chiacchiere tra amiche sui libri più amati, con dolcetti e tisane. Si porta un romanzo, senza limitazioni di genere e tematica, lo si apre a una certa pagina, se ne legge qualche riga, si presenta al gruppo l' autrice. «Negli anni abbiamo affrontato una cinquantina di titoli- racconta Roberta Padovano, una delle animatrici del gruppo - non necessariamente sulla liberazione della sessualità. Il nostro è uno spazio per bibliofile a tutto tondo». Maggiori informazioni su www. mauriceglbt. org. - CLARA CAROLI

Da Anonymous- Pubblicato il22 April 2012

    

«  
  »
L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
Aggiungi i prossimi appuntamenti su iCal

Prossimi appuntamenti

Cerca nel sito